Milos Seyda – liutaio – Cremona

liutaio-milos-seyda-01bn
liutaio-milos-seyda-02bn

Sono nato a Buenos Aires (Argentina) nel 1990.
Fin da piccolo mi sono interessato alla musica iniziando all’età di otto anni a suonare il violino e il pianoforte per poi scoprire una grande passione per il violoncello.
Nel 2009 ho proseguito lo studio del violoncello all’Università delle Arti di Buenos Aires, laureandomi nel 2013 con il massimo dei voti.
Nello stesso anno mi iscrivo all’Accademia delle Arti di Szczecin (Polonia), dove nel 2016 ottengo la laurea magistrale col voto massimo e menzione d’onore.
In questo percorso di perfezionamento della tecnica violoncellistica sono stato affiancato dai maestri Jorge Perez Tedesco (Argentina), Myriam Santucci (USA), Stanimir Todorov (Bulgaria), Tomasz Szczesny (Polonia), Wolfgang Emanuel Schmidt (Germania), Eduardo Vasallo (Inghilterra), Paolo Gaio Lima (Portogallo).
Ho collaborato alla vita musicale di orchestre come l’Orchestra di Radio Amadeus di Buenos Aires, la Filarmonica di Szczecin, la Baltic Neopolis Orquestra di Szczecin.

Parallelamente ai miei studi musicali, ho iniziato fin da giovane a interessarmi alla liuteria. Ho fatto le mie prime esperienze in una bottega di Buenos Aires con la liutaia Paula Godoy e i miei primi lavoretti sono stati scollature semplici, ponticelli e anime che facevo per i miei colleghi musicisti.
Nel 2015, durante un corso di musica barocca a Lisbona, ho approfondito questo interesse con il liutaio Thibaut Dumas.
Nello stesso anno ho deciso di fare della liuteria il mio mestiere, e sono entrato nella Scuola Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari” di Cremona.
Mi sono specializzato in restauro con il maestro Alessandro Voltini, ottenendo il diploma nel 2018. Da musicista, oltre che da liutaio, il mio interesse principale è sempre stato il funzionamento acustico e la qualità del suono degli strumenti.
Parallelamente alla scuola, ho approfondito le mie conoscenze lavorando sotto la guida dei maestri Roberto Masini (per costruzione di violini, Nizza, 2016), Thibaut Dumas (per restauro, Lisbona, 2016), Eduardo Angel Gorr (per le viole da gamba, Cremona, 2017-2018), Frédéric Becker (per montatura, Montpellier, 2018), Loeiz Honoré (per costruzione di violoncelli, Cremona, 2019).